18 Settembre 2021

Il Grande Campione

Testo: Maurizio Fabrizio e Guido Morra

Musiche: Maurizio Fabrizio e Guido Morra

Coreografie: Mariano Brancaccio

Regia: Giuseppe Patroni Griffi

Scene: Aldo Terlizzi

Costumi: Aldo Terlizzi

Debutta nel: 2001

Nel primo cast: Massimo Ranieri, Stefania Caracciolo, Sebastiano Vinci, Roberto Bani, Sergio Mancinelli, Luca Notari, Gianni Testa, Silvia Colloca, Heron Borrelli, Senhit Zadik Zadik, Simone Sibillano, Walter Palamenga, Giorgia Bassano, Claudio Costantino

Prodotto da: Pietro Mezzasoma – Teatro e Società

campione

LA TRAMA

Marcel Cerdan, Il Grande Campione, detto il “Bombardiere di Casablanca”, nacque in Algeria il 22 luglio 1916. Il suo nome divenne celebre non solo perché legato al mondo del pugilato mondiale ma soprattutto per la sua tormentata storia d’amore con la cantante francese Edith Piaf.
Marcel e Edith si conobbero al Club des Cinq a Parigi, cabaret di moda in Faubourg Montmartre, posto davanti alla sede del quotidiano sportivo L’Equipe. Fu una situazione casuale e niente più. Si rividero qualche tempo dopo negli Stati Uniti. Cerdan stava preparando il match contro Anton Raadik.
Edith e Marcel si ritrovarono a una cena di amici francesi, Chez Jean, un locale a 30 miglia da New York. Lei che aveva avuto come amanti Yves Montand e Eddie Costantine, Charles Aznavour e Serge Reggiani, cominciò a scoprire miglior interesse in quel pugile famoso. Si diedero appuntamento anche per il giorno dopo, a cena. Irene de Trebert, l’amica che viveva a New York insieme alla Piaf, quella notte rientrò tardi. E per non disturbare il sonno leggero e tormentato di Edith non accese neppure la luce della camera. Entrò nel letto a due piazze e sentì un sospiro. Accese la luce e li vide lì, tutti e due.
La storia d’amore di Marcel ed Edith si intrecciò con le loro avventure professionali: i trionfi della Piaf e la scalata di Cerdan al mondiale dei pesi medi tenuto da Tony Zale.
La storia pugilistica si fermò davanti a La Motta, alla quarta delle sconfitte in 123 match. La storia terrena di Cerdan e l’amore con la Piaf si spezzarono in qualche parte del cielo tra Parigi e New York la notte tra il 27 e 28 ottobre 1949 su un aereo che precipitò
alle Isole Azzorre.

123