cheap fake rolex submariner at the pursuit of a perfect loveliness in the process the very best combination to do with effectiveness authentic wonderful build.
a beginner's diamond art guide.

julia highlight ombre straight wave lace front wigs invisibleand undetectablepre plucked hairline lace front human hair wigs with baby hair for women 150% density 12 - 24 inch availablefor sale cheap highlight lace wig

Займ онлайн http://rusbankinfo.ru

25 Febbraio 2021

Stracci

Testo: Tony Cucchiara

Musiche: Tony Cucchiara

Coreografie: Guido Guidi

Regia: Filippo Crivelli

Scene: Carlo Savi

Costumi: Carlo Savi

Debutta a: Catania – Teatro Verga

Il: 08/11/1986

Nel primo cast: Pippo Pattavina, Anna Malvica, Annalisa Cucchiara, Marcello Perracchio, Angela Neri, Leonardo Marino, Tuccio Musumeci, Emiliana Perina, Pasquale Platania, Angelo Tosto, Guia Jelo, Camillo Mascolino, Franco Costanzo, Mimmo Mignemi, Francesco Di Vincenzo

Prodotto da: Teatro Stabile di Catania

LA TRAMA – LA STORIA

Ho pensato a “Stracci” dopo aver visto sulle scene alcune elaborazioni della famosa “Opera del Mendicante” di John Gay, rappresantata per la prima volta a Londra nel 1728.
Convinto che un’ambientazione siciliana fosse la più consona e la più attuale a rappresentare l’emarginazione dei personaggi di Gay e soprattutto le connivenze tra potere politico e “potere mafioso”, mi sono messo al lavoro.
Devo dire che dell’originale è rimasto ben poco: una larvata somiglianza tra i miei personaggi principali e quelli di Gay ed una certa analogia nella rappresentazione esasperata e grottesca della delinquenza e della prostituzione.
Ne è venuto fuori una commedia con musiche secondo gli schemi a me cari: un dosaggio tra testo recitato, canto corale, pantomima, canzoni.
Ma al di là di un discorso stilistico, o se vogliamo, della “costruzione drammaturgica”, Stracci rappresenta per me un impegno nuovo: la trasposizione di un mondo che molto poco mi appartiene, quello di Gay, in una realtà completamente diversa; un passaggio dalle tonalità sfumate anglosassoni alle tinte decise della terra di Sicilia.
Il gergo è del siciliano dei “mercati generali”. L’ambientazione (inizi del secolo) potrebbe essere la “vucciria” di Palermo o il porto di Catania.
La musica si ispira alle vecchie ballate popolari siciliane ed è arrangiata alla maniera delle bande paesane con un’armonizzazione che, pur conservando un sapore antico, la rende molto attuale.
Tony Cucchiara

Copione I atto

Copione II atto

 

 

123