cheap fake rolex submariner at the pursuit of a perfect loveliness in the process the very best combination to do with effectiveness authentic wonderful build.
a beginner's diamond art guide.

julia highlight ombre straight wave lace front wigs invisibleand undetectablepre plucked hairline lace front human hair wigs with baby hair for women 150% density 12 - 24 inch availablefor sale cheap highlight lace wig

Займ онлайн http://rusbankinfo.ru

18 Gennaio 2021

Vittorio Gassman – Biografia

Nato a Genova nel 1922, figlio d’un ingegnere edile tedesco e della pisana Luisa Ambron, Vittorio Gassman interrompe gli studi di giurisprudenza per iscriversi all’Accademia d’Arte Drammatica sin dalla stagione 1941-42: esordisce in palcoscenico, non ancora diplomato, ne “La nemica” (1943) di Niccodemi a fianco di Alda Borelli.


Successivamente, si afferma come uno dei più apprezzati attor giovani del teatro nostrano, lavorando – tra gli altri – con Visconti, con Guido Salvini, con Luigi Squarzina, fino a diventare direttore unico (dalla stagione 1954-55) d’una propria compagnia: vastissimo il repertorio di questi anni, che va da “Un tram che si chiama desiderio” di Williams ad “Oreste” di Alfieri, da due classici shakespeariani quali “Amleto” ed “Otello” al “Kean, genio e sregolatezza” di Dumas padre passando per “Adelchi” di Alessandro Manzoni.


Da ricordare, nel 1977, la sua splendida versione scenica del dramma di Pier Paolo Pasolini “Affabulazione”. Degna di nota, pure, la sua attività televisiva: da menzionare, almeno, lo straordinario successo ottenuto nel 1959 con la trasmissione d’intrattenimento “Il mattatore”, per la regia di Daniele D’Anza, e le fortunate trasposizioni pel piccolo schermo di alcuni suoi grandi successi teatrali.


Dal 1946 comincia invece la sua fortunata carriera nel cinema, cui si dedicherà con sempre maggior frequenza nel corso del tempo: meritano, al riguardo, d’esser citati quantomeno “I soliti ignoti” (1958) e “La grande guerra” (1959) di Mario Monicelli, “Il sorpasso” (1962) ed “I mostri” (1963) di Dino Risi, “L’armata Brancaleone” (1966) ancora di Monicelli, “L’alibi” (1969) di cui è anche co-regista, “In nome del popolo italiano” (1971) e “Profumo di donna” (1974) di Dino Risi, “C’eravamo tanto amati” (1974) e “La terrazza” (1980) di Ettore Scola, “Anima persa” (1977) e “Caro papà” (1979) nuovamente con Risi, le partecipazioni ad “Un matrimonio” (1978) e “Quintet” (1978) di Robert Altman, per finire con “La famiglia” (1987) di Ettore Scola, “Lo zio indegno” (1989) di Franco Brusati, “Tolgo il disturbo” (1990) di Dino Risi.

www.tempimoderni.com

TEATRO

– Ma non è una cosa seria di Luigi Pirandello, 1944.
– La macchina da scrivere di Jean Cocteau, regia di Luchino Visconti, prima al Teatro Eliseo di Roma, 2 ottobre 1945.
– Rebecca di Daphne du Maurier, regia di Guido Salvini, prima al Teatro Quirino di Roma, 20 aprile 1946.
– Tutti miei figli di Arthur Miller, regia di Luigi Squarzina, prima al Teatro Quirino di Roma, 6 novembre 1947.
– Tre quarti di luna di Luigi Squarzina, regia di L. Squarzina, prima al Teatro Valle il 4 marzo 1953.
– Amleto di William Shakespeare, regia di Luigi Squarzina, prima al Teatro Valle di Roma il 2 marzo 1954.
– Leonora di Ferruccio Troiani, regia di Luigi Squarzina, prima al Teatro Valle di Roma il 2 aprile 1954.
– Prometeo incatenato, regia di Luigi Squarzina, prima al Teatro Greco di Siracusa il 15 maggio 1954.
– Kean di Alessandro Dumas, regia di Vittorio Gassman, prima al Teatro Comunale di Salerno il 25 novembre 1954.
– Il sangue verde di Silvio Giovannetti, regia di Vittorio Gassman, prima al Teatro Valle il 2 marzo 1955.
– Un marziano a Roma di Ennio Flaiano, regia di Vittorio Gassman, prima al Teatro Lirico di Milano il 23 novembre 1960.[17]
– O Cesare o nessuno, regia di Vittorio Gassman, prima al Teatro La Pergola di Firenze, il 4 dicembre 1974.
– Lieta serata insieme con Eduardo e i suoi compagni d’arte, conduce Vittorio Gassman, Teatro Tenda a Roma il 29 giugno 1978.
– Non chiederci la parola di Eugenio Montale, prima al Teatro Genovese il 16 gennaio 1988.

FILMOGRAFIA

– Incontro con Laura (1945) regia di Carlo Alberto Felice
– Preludio d’amore (1946) regia di Giovanni Paolucci
– Daniele Cortis (1947) regia di Mario Soldati
– Le avventure di Pinocchio (1947) regia di Giannetto Guardone
– La figlia del capitano (1947) regia di Mario Camerini
– L’ebreo errante (1948) regia di Goffredo Alessandrini
– Il cavaliere misterioso (1948) regia di Riccardo Freda
– Lo sparviero del Nilo (1949) regia di Giacomo Gentilomo
– I fuorilegge (1949) regia di Aldo Vergano
– Il lupo della Sila (1949) regia di Duilio Coletti
– Ho sognato il paradiso (1949) regia di Giorgio Pàstina
– Riso amaro (1949) regia di Giuseppe De Santis
– Una voce nel tuo cuore (1949) regia di Alberto D’Aversa
– Il leone di Amalfi (1950) regia di Pietro Francisci
– Il tradimento (1951) regia di Riccardo Freda
– La corona nera (1951) regia di Luis Saslavsky
– Anna (1951) regia di Alberto Lattuada
– Il sogno di Zorro (1952) regia di Mario Soldati
– La tratta delle bianche (1952) regia di Luigi Comencini
– Sombrero (1953) regia di Norman Foster
– Il muro di vetro (1953) regia di Maxwell Shane
– L’urlo dell’inseguito (1953) regia di Joseph H. Lewis
– Rapsodia (1954) regia di Charles Vidor
– Mambo (1954) regia di Robert Rossen


– Kean – Genio e sregolatezza (1956) regia di Vittorio Gassman e Francesco Rosi
– Giovanni dalle Bande Nere (1956) regia di Sergio Grieco
– La donna più bella del mondo (1955) regia di Robert Z. Leonard
– Guerra e pace (1956) regia di King Vidor
– Difendo il mio amore (1957) regia di Giulio Macchi
– I soliti ignoti (1958) regia di Mario Monicelli
– La ragazza del Palio (1958) regia di Luigi Zampa
– La tempesta (1958) regia di Alberto Lattuada
– Le sorprese dell’amore (1959), non accreditato, regia di Luigi Comencini
– La cambiale (1959) regia di Camillo Mastrocinque
– La grande guerra (1959) regia di Mario Monicelli
– Vento di tempesta (1959) regia di Irving Rapper
– Il mattatore (1960) regia di Dino Risi
– Audace colpo dei soliti ignoti (1960) regia di Nanni Loy
– Fantasmi a Roma (1961) regia di Antonio Pietrangeli


– Crimen (1961) regia di Mario Camerini
– Il giudizio universale (1961) regia di Vittorio De Sica
– Barabba (1961) regia di Richard Fleischer
– Il sorpasso (1962) regia di Dino Risi
– I briganti italiani (1962) regia di Mario Camerini
– Anima nera (1962) regia di Roberto Rossellini
– Frenesia dell’estate (1963) regia di Luigi Zampa
– Il successo (1963) regia di Mauro Morassi e, non accreditato, Dino Risi
– La marcia su Roma (1963) regia di Dino Risi
– La smania addosso (1963) regia di Marcello Andrei
– L’amore difficile (1963), episodio “L’avaro”, regia di Luciano Lucignani
– I mostri (1963) regia di Dino Risi
– Se permettete parliamo di donne (1964) regia di Ettore Scola
– Slalom (1965) regia di Luciano Salce
– Il gaucho (1965) regia di Dino Risi
– La guerra segreta (1965) regia di Christian-Jaque, Werner Klingler, Carlo Lizzani e Terence Young
– La congiuntura (1965) regia di Ettore Scola
– Le piacevoli notti (1966) regia di Armando Crispino e Luciano Lucignani
– L’arcidiavolo (1966) regia di Ettore Scola
– Una vergine per il principe (1966) regia di Pasquale Festa Campanile
– L’armata Brancaleone (1966) regia di Mario Monicelli
– Lo scatenato (1967) regia di Franco Indovina
– Sette volte donna (1967), non accreditato, regia di Vittorio De Sica


– Il tigre (1967) regia di Dino Risi
– La pecora nera (1968) regia di Luciano Salce
– Questi fantasmi (1968) regia di Renato Castellani
– Il profeta (1968) regia di Dino Risi
– L’alibi (1969) regia di Adolfo Celi, Vittorio Gassman e Luciano Lucignani
– Dove vai tutta nuda? (1969) regia di Pasquale Festa Campanile
– Una su 13 (1969) regia di Nicolas Gessner
– L’arcangelo (1969) regia di Giorgio Capitani
– Brancaleone alle crociate (1970) regia di Mario Monicelli
– Il divorzio (1970) regia di Romolo Guerrieri
– Contestazione generale (1970) regia di Luigi Zampa
– Scipione detto anche l’Africano (1971) regia di Luigi Magni
– L’udienza (1971) regia di Marco Ferreri
– In nome del popolo italiano (1971) regia di Dino Risi
– Senza famiglia, nullatenenti cercano affetto (1972) regia di Vittorio Gassman
– Che c’entriamo noi con la rivoluzione? (1972) regia di Sergio Corbucci
– La Tosca (1973) regia di Luigi Magni
– Profumo di donna (1974) regia di Dino Risi
– C’eravamo tanto amati (1974) regia di Ettore Scola
– A mezzanotte va la ronda del piacere (1975) regia di Marcello Fondato
– Come una rosa al naso (1976) regia di Franco Rossi
– Telefoni bianchi (1976) regia di Dino Risi
– Signore e signori, buonanotte (1976) regia di Luigi Comencini, Nanni Loy, Luigi Magni, Mario Monicelli ed Ettore Scola
– Il deserto dei Tartari (1976) regia di Valerio Zurlini
– Anima persa (1977) regia di Dino Risi


– I nuovi mostri (1977) regia di Mario Monicelli, Ettore Scola e Dino Risi
– Un matrimonio (1978) regia di Robert Altman
– Quintet (1979) regia di Robert Altman
– Caro papà (1979) regia di Dino Risi
– Due pezzi di pane (1979) regia di Sergio Citti
– The Nude Bomb (1980) regia di Clive Donner
– La terrazza (1980) regia di Ettore Scola
– Sono fotogenico (1980) regia di Dino Risi
– Il turno (1981) regia di Tonino Cervi
– Camera d’albergo (1981) regia di Mario Monicelli
– Pelle di sbirro (1981) regia di Burt Reynolds
– La tempesta (1982) regia di Paul Mazursky
– Il conte Tacchia (1982) regia di Sergio Corbucci
– La vita è un romanzo (1983) regia di Alain Resnais
– Benvenuta (1983) regia di André Delvaux
– Il potere del male (1985) regia di Krzysztof Zanussi
– I soliti ignoti vent’anni dopo (1987) regia di Amanzio Todini
– La famiglia (1987) regia di Ettore Scola
– I picari (1987) regia di Mario Monicelli
– Mortacci (1989) regia di Sergio Citti
– Lo zio indegno (1989) regia di Franco Brusati
– Dimenticare Palermo (1990) regia di Francesco Rosi
– Tolgo il disturbo (1990) regia di Dino Risi
– Le mille e una notte (1990) regia di Philippe de Broca
– Quando eravamo repressi (1992) regia di Pino Quartullo
– Il lungo inverno (1992) regia di Jaime Camino
– I divertimenti della vita privata (1992) regia di Cristina Comencini
– Tutti gli anni una volta l’anno (1995) regia di Gianfrancesco Lazotti
– Sleepers (1996) regia di Barry Levinson
– La cena (1998) regia di Ettore Scola
– La bomba (1999) regia di Giulio Base
– Vittorio racconta Gassman – una vita da mattatore (2010) regia di Giancarlo Scarchilli

123