17 Ottobre 2021

Peppino De Filippo – Biografia

(Napoli, 1903 – Roma, 1980)

Fratello minore di Titina ed Eduardo, figlio naturale di Eduardo Scarpetta e Luisa De Filippo, esordisce giovanissimo nella compagnia di Vincenzo Scarpetta, ma ben presto la sua inquietudine lo porta a passare in formazioni dialettali secondarie, dove ha modo di farsi le ossa.


Dopo aver raggiunto una certa fama, agli inizi degli anni ‘30 decide di formare – assieme ad Eduardo e Titina – la compagnia del Teatro Umoristico I De Filippo, destinata a riscuotere grandi successi grazie a commedie scritte da loro stessi (la più celebre delle quali resta la straordinaria “Natale in casa Cupiello”): il sodalizio dura sino al 1944, sempre sostenuto da un enorme consenso di pubblico.


Peppino fa il suo esordio nel cinema, assieme ad Eduardo, con “Tre uomini in frack” (1932) di Mario Bonnard: sino al ‘44, saranno rare le occasioni in cui compare da solo. Finita la seconda guerra mondiale, divisi i suoi destini da quelli di famiglia, egli intraprenderà una propria strada autonoma sia in teatro sia al cinema: sul grande schermo, in verità, concedendosi sovente a prodotti commerciali poco adatti a metterne in luce le non comuni qualità.


Fanno eccezione “Luci del varietà” (1950) di Fellini/Lattuada, ov’egli è uno straordinario capocomico; “Policarpo, ufficiale di scrittura” (1959) di Mario Soldati, in cui indossa i panni d’un pignolo capoufficio; “Le tentazioni del dottor Antonio”, episodio di “Boccaccio ‘70” (1961) ancora firmato da Fellini, che lo vede ragioniere moralista e bigotto.


Ma i risultati migliori egli li ottiene senza dubbio nel sodalizio quasi decennale con Totò, che produce tra il ‘55 ed il ‘63 ben 14 pellicole: l’unico Nastro d’argento della sua carriera gli viene assegnato quale attore non protagonista per “Totò, Peppino e i fuorilegge”(1956).
Successivamente, si dedica al palcoscenico ed alla riduzione per la televisione di alcuni suoi testi teatrali; conoscendo, in tivvù, un momento di eccezionale popolarità col personaggio di Gaetano Pappagone, nella “Canzonissima” 1966-67.

www.italica.rai.it

TEATRO
– Trampoli e cilindri, (Un atto in lingua napoletana) (1927)
– Un ragazzo di campagna, originariamente rappresentato con il titolo Tutti uniti canteremo (Farsa in due parti) (1931)
– Don Rafele ‘o trumbone, (Commedia in un atto) (1931)
– Spacca il centesimo, (Commedia in un atto) (1931)
– Miseria bella, (Farsa in un atto) (1931)
– Una persona fidatissima, (Farsa in un atto) (1931)
– Aria paesana, (Storia vecchia uguale per tutti in un atto) (1931)
– Amori e balestre!, (Farsa in un atto in lingua napoletana) (1931)
– Sto bene con l’elmo, (commedia in un atto unico) (1931)
– Cupido scherza e spazza, (Farsa in un atto in lingua napoletana) (1932)
– Quale onore, (Farsa in un atto) (1932)
– Caccia grossa, (Un atto ironico romantico) (1932)
– Cinque minuti dopo, (Atto unico) (1932)
– Uno, due e tre – Hop…là (atto unico) (1932)
– A Coperchia è caduta una stella, (Farsa campestre in due parti) (1933)
– La lettera di mammà, (Farsa in due parti in collaborazione con Maria Scarpetta) (1933)
– Quaranta ma non li dimostra, (Commedia in due parti in collaborazione con Titina De Filippo) (1933)
– Il ramoscello d’olivo, (Farsa in un atto) (1933)
– I brutti amano di più, (Commedia romantica in tre parti) (1933)
– Lorenzo e Lucia, (commedia in tre atti) (1934)
– Liolà (dalla novella di Luigi Pirandello, trasposta in lingua napoletana) (1935)
– Un povero ragazzo, (Commedia in tre atti e quattro quadri) (1936)
– Il compagno di lavoro, (Un atto in lingua napoletana) (1936)
– Il mio primo amore (atto unico dei fratelli De Filippo, radiotrasmesso) (1937)
– Bragalà paga per tutti!, (Un atto in lingua napoletana) (1939)
– Il grande attore, (Commedia in un atto) (1940)
– Una donna romantica e un medico omeopatico, (Da una commedia – parodia in cinque atti di Riccardo di Castelvecchio. Riduzione in tre atti in lingua napoletana) (1940)
– …di Pasquale del Prado, (rifacimento in tre atti di Lo chicos crescen di Darthes e Damiel) (1941)
– Prestami cento lire, (atto unico di A. Vacchieri, versione napoletana di Peppino) (1941)
– Non è vero… ma ci credo, (Commedia in tre atti) (1942)
– I casi sono due, (Commedia in tre atti) (1945)
– Quel bandito sono io!, (Farsa in tre atti e quattro quadri) (1947)
– L’ospite gradito!, (Tre atti comici) (1948)
– Quel piccolo campo…, (Commedia in tre atti) (1948)
– Per me come se fosse!, (Commedia in due parti e quattro quadri) (1949)
– Carnevalata, (Un atto)(1950)
– Gennarino ha fatto il voto, (Farsa in tre atti) (1950)
– I migliori sono così, (Farsa in due parti e otto quadri) (1950)
– Pronti? Si gira!, (Satira buffa in un atto) (1952)
– Pranziamo insieme!, (Farsa in un atto) (1952)
– Io sono suo padre!, (Commedia in due parti e quattro quadri) (1952)
– Pater familias, (Commedia in un atto) (1955)
– Noi due!, (Commedia in un atto) (1955)
– Un pomeriggio intellettuale, (Commedia in un atto) (1955)
– Dietro la facciata, (Commedia in un atto) (1956)
– Le metamorfosi di un suonatore ambulante, (Farsa all’antica in un prologo, due parti e cinque quadri. Con appendice e musiche di Peppino De Filippo) (1956)
– Il talismano della felicità, (Farsa in un atto) (1956)
– La collana di cento noccioline, (Commedia in un atto) (1957)
– Omaggio a Plauto, (Un atto) (1963)
– Tutti i diavoli in corpo, (Un atto) (1965)
– L’amico del diavolo, (Commedia in tre atti) (1965)

FILMOGRAFIA
Tre uomini in frak, regia di Mario Bonnard (1933)
– Il cappello a tre punte, regia di Mario Camerini (1934)
– Quei due, regia di Gennaro Righelli (1935)
– Sono stato io!, regia di Raffaello Matarazzo (1937)
– L’amor mio non muore, regia di Giuseppe Amato (1938)
– Il marchese di Ruvolito, regia di Raffaello Matarazzo (1939)
– In campagna è caduta una stella, regia di Eduardo De Filippo (1939)
– Il sogno di tutti, regia di Oreste Biancoli e Ladislao Kish (1940)
– Notte di fortuna, regia di Raffaello Matarazzo (1941)
– L’ultimo combattimento, regia di Piero Ballerini (1941)
– A che servono questi quattrini?, regia di Esodo Pratelli (1942)
– Le signorine della villa accanto, regia di Gian Paolo Rosmino (1942)
– Non ti pago!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1942)
– Casanova farebbe così!, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1942)
– Campo de’ fiori, regia di Mario Bonnard (1943)
– Non mi muovo!, regia di Giorgio Simonelli (1943)
– Ti conosco, mascherina!, regia di Eduardo De Filippo (1943)
– Io t’ho incontrata a Napoli, regia di Pietro Francisci (1946)
– Natale al campo 119, regia di Pietro Francisci (1948)
– Vivere a sbafo, regia di Giorgio Ferroni (1949)
– Biancaneve e i sette ladri, regia di Giacomo Gentilomo (1949)
– La bisarca, regia di Giorgio Simonelli (1950)
– Luci del varietà, regia di Federico Fellini e Alberto Lattuada (1950)
– Signori, in carrozza!, regia di Luigi Zampa (1951)
– La famiglia Passaguai, regia di Aldo Fabrizi (1951)
– Bellezze in bicicletta, regia di Carlo Campogalliani (1951)
– Cameriera bella presenza offresi…, regia di Giorgio Pastina (1951)
– Ragazze da marito di Eduardo de Filippo (1952)
– Non è vero… ma ci credo (1952)
– Totò e le donne, regia di Steno e Mario Monicelli (1952)
– Una di quelle, regia di Ado Fabrizi (1953)
– Siamo tutti inquilini (1953)
– Il più comico spettacolo del mondo, regia di Mario Mattoli (1953)
– Martin Toccaferro (1953)
– Lo scocciatore (Via Padova 46) (1953)
– Peppino e la vecchia signora di Emma Gramatica e Piero Ballerini (1954)
– Un giorno in pretura (1954)
– Le signorine dello 04 (1955)
– Piccola posta (1955)
– Motivo in maschera (1955)
– Io piaccio (1955)
– I due compari (1955)
– Il segno di Venere (1955)
– Gli ultimi cinque minuti (1955)
– Accadde al penitenziario (1955)
– Cortile (1955)
– I pappagalli, regia di Bruno Paolinelli (1955)
– Un po’ di cielo (1955)
– Totò, Peppino e la… malafemmina, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
– Totò, Peppino e i fuorilegge, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
– Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo (1956)
– La banda degli onesti, regia di Camillo Mastrocinque (1956)
– Peppino, le modelle e chella là (1957)
– La nonna Sabella (1957)
– Vacanze a Ischia (1957)
– Totò, Peppino e le fanatiche (1958)
– La nipote Sabella (1958)
– Tuppe tuppe, Marescià! (1958)
– Anna di Brooklyn (1958)
– Pane, amore e Andalusia (Pan, amor y… Andalucía), regia di Javier Setó (1958)
– La cambiale, regia di Camillo Mastrocinque (1959)
– Arrangiatevi! (1959)
– Policarpo, ufficiale di scrittura (1959)
– Ferdinando I° re di Napoli (1959)
– Signori si nasce (1960)
– Letto a tre piazze (1960)
– Chi si ferma è perduto (1960)
– A noi piace freddo…! (1960)
– Genitori in blue-jeans (1960)
– Il mattatore (1960)
– Gli incensurati (1960)
– Il carabiniere a cavallo (1961)
– Totò, Peppino e… la dolce vita (1961)
– Totò e Peppino divisi a Berlino (1962)
– I 4 monaci (1962)
– Il mio amico Benito (1962)
– Il giorno più corto (1962)
– Boccaccio ’70 (1962)
– Totò contro i quattro (1963)
– I 4 tassisti (1963)
– I quattro moschettieri (1963)
– Gli onorevoli (1963)
– Adultero lui, adultera lei (1963)
– La vedovella, regia di Silvio Siano (1964)
– Made in Italy (1965)
– Rita la zanzara (1966)
– Ischia operazione amore (1966)
– La fabbrica dei soldi (1966)
– Soldati e capelloni (1967)
– Non stuzzicate la zanzara, regia di Lina Wertmüller (1967)
– Zum Zum Zum – La canzone che mi passa per la testa (1968)
– Zum Zum Zum n° 2 (1969)
– Lisa dagli occhi blu (1969)
– Gli infermieri della mutua (1969)
– Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa (1970)
– Giallo napoletano (1979)

123