30 Luglio 2021

Paola Borboni – Biografia

Paola Borboni nasce a Golese di Parma (PR) il 1 gennaio del 1900.
Studia recitazione all’Accademia dei Filodrammatici di Milano e debutta a 16 anni, nel 1916, con la compagnia di Alfredo De Sanctis nel “Dio della vendetta”. Solo due anni più tardi diventa la prima attrice Wronowska-Calò e dal 1922 lavora con la compagnia di Armando Falconi, nella quale interpreta un repertorio brillante rivelando le sue doti di attrice versatile ed ironica.

Nel 1925 il suo spirito audace ed esuberante scandalizza l’Italia apparendo seminuda in “Alga marina” di Carlo Veneziani.
Il suo sterminato repertorio le consente di recitare in parti brillanti e drammatiche, dai testi del grottesco ai classici, da vamp di rivista a eroina tragica. Verso la fine degli anni venti conosce Luigi Pirandello e rimane affascinata dalla personalità del drammaturgo siciliano, tanto da dedicare al repertorio pirandelliano due compagnie da lei dirette: prima della guerra, nel 1929, con Lamberto Ricasso e dopo con Salvo Randone, col quale fa coppia fissa nel palcoscenico e nella vita.


Nella carriera teatrale fa scelte coraggiose per i suoi tempi, interpretando opere straniere inedite in Italia, di Guitry, Deval, O’Neil e Shaw oltre ad interpretare magistralemente le opere di Shakespeare e Alfieri.
Insieme ai già citati Lamberto Ricasso, Salvo Randone è compagna di scena di Irma Grammatica e Ruggero Ruggeri.


Per quanto riguarda il cinema fra le tantissime (oltre 70) interpretazioni “di nessun valore”, come dice lei, le sue preferite sono “La locandiera” (1944) di Luigi Chiarini, “Gelosia” (1953) di Pietro Germi, “I vitelloni” (1953) di Federico Fellini e “Per grazia ricevuta ” (1971) di Nino Manfredi.
Più che settantenne si risposa con un giovane attore di cui rimane vedova e a novantun anni recita ancora in teatro nel “Tartufo” di Molière.
L’energica Paola Borboni si spegne 4 anni più tardi, il 4 aprile del 1995 , a Varese.

FILMOGRAFIA
– Jacopo Ortis, regia di Giuseppe Sterni (1918)
– Il furto del sentimento, regia di Giuseppe Guarino (1919)
– Il bacio di un re, regia di Giuseppe Guarino (1919)
– Gli artigli d’acciaio, regia di Giuseppe Guarino (1920)
– Il principe idiota, regia di Eugenio Perego (1920)
– Sinfonia pastorale, regia di Giuseppe Sterni (1921)
– L’ora della morte, regia di Giuseppe Sterni (1921)
– L’uomo che sorride, regia di Mario Mattoli (1936)
– Lo smemorato, regia di Gennaro Righelli (1936)
– Vivere!, regia di Guido Brignone (1937)
– Nina, non far la stupida, regia di Nunzio Malasomma (1937)
– Ho perduto mio marito, regia di Enrico Guazzoni (1937)
– Ricchezza senza domani, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1940)
– Il sogno di tutti, regia di Oreste Biancoli (1940)
– Giorno di nozze, regia di Raffaello Matarazzo (1942)
– Il nemico, regia di Guglielmo Giannini (1943)
– Il birichino di papà, regia di Raffaello Matarazzo (1943)
– L’avventura di Annabella, regia di Leo Menardi (1943)
– La vita torna, regia di Pier Luigi Faraldo (1943)
– Il viaggio del signor Perrichon, regia di Paolo Moffa (1943)
– Una piccola moglie, regia di Giorgio Bianchi (1943)
– Sorelle Materassi, regia di Ferdinando Maria Poggioli (1944)
– La locandiera, regia di Luigi Chiarini (1944)
– Finalmente sì, regia di László Kish (1944)
– Il ventesimo duca, regia di Lucio De Caro (1945)
– La freccia nel fianco, regia di Alberto Lattuada (1945)
– La resa di Titì, regia di Giorgio Bianchi (1945)
– Non canto più, regia di Riccardo Freda (1945)
– Le modelle di via Margutta, regia di Giuseppe Maria Scotese (1946)
– Canzone di primavera, regia di Mario Costa (1950)
– Cavalcata d’eroi, regia di Mario Costa (1950)
– È più facile che un cammello…, regia di Luigi Zampa (1951)
– Ultimo perdono, regia di Renato Polselli (1952)
– Città canora, regia di Mario Costa (1952)
– Ai margini della metropoli, regia di Carlo Lizzani (1952)
– Roma ore 11, regia di Giuseppe De Santis (1952)
– Siamo ricchi e poveri, regia di Siro Marcellini (1953)
– Lulù, regia di Fernando Cerchio (1953)
– Il bacio dell’Aurora, regia di Gianfranco Parolini (1953)
– Gli uomini, che mascalzoni!, regia di Glauco Pellegrini (1953)
– Gelosia, regia di Pietro Germi (1953)
– Condannatelo!, regia di Luigi Capuano (1953)
– I vitelloni, regia di Federico Fellini (1953)
– Vacanze romane, regia di William Wyler (1953)
– Terza liceo, regia di Luciano Emmer (1954)
– Mamma, perdonami!, regia di Giuseppe Vari (1954)
– François il contrabbandiere, regia di Gianfranco Parolini (1954)
– Amori di mezzo secolo, episodio L’amore romantico, regia di Glauco Pellegrini (1954)
– Santarellina, regia di Yves Allegret (1954)
– Il caso Maurizius, regia di Julien Duvivier (1954)
– I cavalieri della regina, regia di Mauro Bolognini (1954)
– Rosso e nero, regia di Domenico Paolella (1955)
– Gli anni che non ritornano, regia di Yves Allégret (1955)
– Mi permette, babbo!, regia di Mario Bonnard (1956)
– Casta diva, regia di Carmine Gallone (1956)
– L’oro di Roma, regia di Carlo Lizzani (1961)
– Menage all’italiana, regia di Franco Indovina (1965)
– La ragazzola, regia di Giuseppe Orlandini (1965)
– I complessi, episodio Il complesso della schiava nubiana, regia di Franco Rossi (1965)
– Una vergine per il principe, regia di Pasquale Festa Campanile (1966)
– Arabella, regia di Mauro Bolognini (1967)
– Colpo grosso alla napoletana (The Biggest Bundle of Them All), regia di Ken Annakin (1968)
– Quando le donne avevano la coda, regia di Pasquale Festa Campanile (1970)
– Per grazia ricevuta, regia di Nino Manfredi (1971)
– Le belve, regia di Giovanni Grimaldi (1971)
– All’ovest di Sacramento, regia di Federico Chentrens (1971)
– Sessomatto, episodio Non è mai troppo tardi, regia di Dino Risi (1973)
– Bello come un arcangelo, regia di Alfredo Giannetti (1974)
– Paolo Barca, maestro elementare, praticamente nudista, regia di Flavio Mogherini (1975)
– Nerone, regia di Castellacci e Pingitore (1977)
– L’albero della maldicenza, regia di Giacinto Bonaquisti (1979)
– Il vizietto II, regia di Edouard Molinaro (1980)
– La storia vera della signora delle camelie, regia di Mauro Bolognini (1981)
– Più bello di così si muore, regia di Pasquale Festa Campanile (1982)
– Cicciabomba, regia di Umberto Lenzi (1982)
– Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio, regia di Sergio Martino (1983)
– Blue Dolphin – L’avventura continua, regia di Giorgio Moser (1990)

 

Bibliografia

Io, Paola, la commediante. Mario Luzi – Garzanti
Alla ricerca del paradiso. Paola Giovetti – Mediterranee
La vampa della ribalta, ritratti d’attore del Ventennio.
Gino Rocca – Testo & Immagine

www.teatro.org

123