Biografie Audizioni Contatti


Biografia

20 giugno 1996: Ancora e sempre presente al "Pavarotti International", Zucchero canta Il Volo e Un Piccolo Aiuto. 21 giugno 1996: Da 10 anni in tutte le città francesi si svolge "La Fete de la Musique de la Republique", la grande festa della musica ideata dal Ministro della Cultura Jack Lang.
Zucchero si esibisce in Place de la Republique a Parigi in qualità di artista di maggior successo dell'anno, visti gli altissimi numeri realizzati da Spirito DiVino che ha superato le 400.000 copie vendute. 17 luglio 1996: Milano, Stadio "G.Meazza", World Rhythm Festival: Zucchero partecipa a questo evento di solidarietà per la Liberia con una performance unica e rara accanto al "Re del Blues" di Chicago, Buddy Guy.
luglio 1996: Montreux Jazz Festival: Zucchero è l'unico artista italiano invitato alla prestigiosa manifestazione dove suona insieme al mitico Little Richard. "IFPI Platinum Europe Awards", Belgio : per la prima volta ha luogo questa manifestazione istituita allo scopo di premiare gli artisti che in Europa hanno venduto oltre un milione di copie. Zucchero viene premiato per le strepitose vendite di Spirito DiVino che ha superato i 2 milioni di copie vendute. 21 novembre 1996: Esce in contemporanea mondiale il primo Best Of Zucchero, un'antologia che riunisce 10 anni di successi (dal '86 al '96), più Donne del 1985. Il Best Of Zucchero 'Sugar' Fornaciari's Greatest Hits, questo il titolo per esteso, si apre con tre brani inediti: Menta e Rosmarino, Eppure Non T'Amo (prodotto da Stephen Lypson, produttore di Annie Lennox) e Niente Da Perdere (prodotto da Corrado Rustici). Gli altri brani che completano la raccolta sono: Donne remix (1985), Rispetto remix (1986), Senza Una Donna (1987), Con Le Mani (1987), Madre Dolcissima (1989), Overdose (d'amore) (1989), Diavolo In Me (1989), Diamante (1989), A Wonderful World (1989), Il Volo (1995), Così Celeste (1985), X Colpa Di Chi? (1995), Hai Scelto Me (1987).
Il Best Of viene presentato il 15 novembre 1996 alla stampa europea con un concerto al "Le Reservoir" di Parigi alla presenza di 200 invitati. Il 19 novembre parte dall'Ungheria un nuovo tour europeo che termina un mese dopo in Germania. Il 15 dicembre dello stesso anno a Brunico, in località Plan De Corones, Zucchero tiene un concerto all'aperto a circa 2.000 metri (il palcoscenico più alto d'Europa) registrato come "Concerto di Natale" da Rai Due. L'evento viene trasmeso il 26 dicembre alle ore 14. Questo intenso periodo si chiude con altri 4 concerti in Italia: 2 al "Forum" di Assago (16 e 17 dicembre) e 2 in Sicilia (il 20/12 al Palasport di Trapani e il 21/12 al Palasport di Acireale) per idealmente "unire" e non "dividere" l'Italia. A pochi giorni dalla pubblicazione, il Best Of raggiunge i vertici delle classifiche italiane (collezionando ben 11 dischi di platino) dove, per 6 settimane consecutive, rimane al primo posto.

In Francia, l'album è numero uno per 5 settimane (2 dischi di platino). Altri paesi da "top ten" sono: Svizzera (2 dischi di platino), Belgio (1 disco d'oro), Austria (1 disco d'oro), Germania (1 disco d'oro), Olanda (1 disco d'oro) e Portogallo (1 disco d'oro). Il Best Of viene pubblicato anche in Giappone, Malesia, Sud Africa e in tutto il continente sudamericano. Negli Stati Uniti, dove viene pubblicato dalla Mercury, il Best Of riceve grande attenzione dai media, grazie anche al fortunato tour che Zucchero compie nell'aprile 1997.

Durante il soggiorno americano, Zucchero si esibisce alla "House Of Blues" di Los Angeles e al "Carnegie Hall" di New York in occasione del "Rainforest Benefit Concert" in compagnia di artisti quali Sting, Elton John e Stevie Wonder. 1997: Viene pubblicata una "special edition" del Best Of contenente, come "bonus track", Va Pensiero di Giuseppe Verdi tratto dal Nabucco che Zucchero e Luciano Luisi hanno adattato con il nuovo testo scritto da Mino Vergnaghi. Grazie a questa nuova versione, Va Pensiero diventa una sorta di ninna-nanna dedicata alla "Rainforest Foundation " di Sting e sua moglie. Va Pensiero viene pubblicato in tutto il mondo anche in versione cd singolo arrivando ai primi posti delle classifiche internazionali. 1998: A gennaio, sul mercato internazionale, il Best Of supera la soglia dei 3 milioni di copie vendute.Il 23 febbraio Zucchero è ospite del galà che si tiene in occasione delle premiazioni degli "Annual Grammies Awards", personalmente invitato da Luciano Pavarotti. Oltre a Zucchero, sono presenti Sting, Aretha Franklyn, Gloria Estefan, Sheryl Crow, Boyz II Men e molti altri. Al galà Zucchero e Pavarotti duettano interpretando Va Pensiero.
1 ottobre 1998: esce Blu, il singolo che precede Blue Sugar, il nuovo album di Zucchero. Per la prima volta in Italia, Blu è in vendita sia nella versione italiana che in quella inglese, intitolata Blue: testo inglese scritto da Bono degli U2, il testo italiano è di Pasquale Panella e Zucchero.
5 novembre 1998: esce Blue Sugar, il nono album di Zucchero.
E' il punto di arrivo e di partenza di una nuova fase creativa dell'artista. Il blues è sempre presente ma, al suo fianco, risaltano i suoni internazionali del rock inglese di fine millennio. Per il lancio dell'album viene allestita una grande presentazione mondiale alla quale partecipano oltre 500 testate stampa, radio e tv provenienti da ogni angolo del mondo.
L'album sale subito al primo posto della classifica italiana, entra nelle classifiche europee e vi resta per molto tempo. Il 12 Novembre è ospite d'onore ai MTV AWARDS che si tengono in Italia al Filaforum. A fine anno esce sugli schermi cinematografici europei il film : The Mighty, con Sharon Stone , e nella colonna sonora c'è un fantastico duetto di B.B.King e Zucchero: "Let the good times roll". 1999: finalmente Zucchero torna a suonare dal vivo. Il 12 febbraio 1999, dal Palasport di Montichiari (Bs) parte il "Blue Sugar World Tour 1999", il nuovo grande tour mondiale di Zucchero che terrà impegnato l'artista fino alla fine dell'anno con concerti in ogni angolo del mondo. Il "Blue Sugar World Tour 1999" è il più grande e lungo tour mai fatto da Zucchero. La tournée è aperta da 13 concerti in Italia che ovunque registrano il tutto esaurito tanto che, come a Milano, per soddisfare le richieste dei fan, la data viene raddoppiata. Con una nuova e scintillate scenografia, una band parzialmente rinnovata (Luciano Luisi alle tastiere, Mario Schilirò alla chitarra, Derek Wilson alla batteria, Gail Ann Dorsey al basso, James Thompson al sax, Mark Feltham all'armonica e Federica Bergamaschi, Gaia Mecocci, Claudia Pedrani e Benedetta Chiari agli archi) il nuovo spettacolo di Zucchero regala al pubblico un'atmosfera diversa rispetto al passato. Suoni, luci, colori, immagini del "Blue Sugar World Tour 1999" hanno l'energia di un grande rave itinerante. Per la prima volta in Italia, ai concerti di Zucchero si accede grazie al cd-ticket, un biglietto speciale sotto forma di cd contenente un'intervista a Zucchero e degli estratti da Blue Sugar, l'ultimo album, più un blues inedito scritto apposta per l'occasione.. Terminata la prima parte di date italiane, il tour si sposta in Europa (dove Zucchero si esibisce anche nei più importanti festival rock) per poi proseguire, nel corso dell'anno, negli Stati Uniti, in Sud America e in Asia. Sempre a febbraio esce sul mercato inglese il Best Of.. che contiene come bonus-track una nuova versione di Va Pensiero in duetto con la rockstar irlandese Sinead O'Connor e mixata da Cameron McVay. 23 marzo 1999: i 10.000 che gremiscono il Palais Omnisport di Bercy a Parigi tributano al bluesman emiliano un lungo ed emozionante applauso al termine del suo concerto. Sul palco Zucchero ha chiamato a duettare artisti come Paul Young, i corsi Muvrini e, soprattutto, Noa e la star del "rai" algerino Cheb Mami. Grazie a Zucchero, sullo stesso palco si esibiscono insieme un'artista israeliana e un artista arabo. 31 maggio 1999: Zucchero partecipa al Festival di Imst in Austria. Davanti a 200.000 persone Zucchero si esibisce dopo Bryan Adams e prima dei Rolling Stones. 1 giugno 1999: anche in occasione della sesta edizione del "Pavarotti & Friends" Zucchero è al fianco di Luciano Pavarotti.




Nota: Le foto presenti su MusicalStore.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail webmaster@musicalstore.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.