Audizioni
Biglietti
Newsletter


 


Nino Taranto
BIOGRAFIA

Nino Taranto, uno dei figli più degni di Napoli, nacque a Napoli il 28 agosto del 1907, catapultandosi, già in tenera età, nel mondo dello spettacolo, dando un segno inequivocabile, a tutti, che il suo destino di artista era già segnato. Entra, in questo modo, a far parte di tutti quei grandi artisti napoletani che hanno imparato prima a recitare e poi a camminare,
come i De Filippo, i Fumo, i Maggio, i Di Napoli e tanti altri ancora .



L'ingegno e l'arguzia del Nostro, lo portarono a darsi quella connotazione particolare che fa di un artista un genio. Tra le altre, egli indossò, per molti anni la famosa paglietta. Al contrario di altri artisti (la paglietta era molto di moda), egli la tagliuzzò sulla falda frontale per darsi un identità tutta sua. Quella paglietta lo ha accompagnato per tutta la sua carriera nel varietà raccogliendo, in uno con Nino, una gran messe di successi. Attore, cantante, macchiettista (memorabile la sua Ciccio Formaggio), non poteva non essere notato e, quindi, "rapito" dalla compagnia di sceneggiate Cafiero-Fumo.
Fu proprio attraverso la sceneggiata che Taranto ebbe modo di forgiare un carattere di recitazione tutto suo, fatto di mimica, improvvisazione e professionalità ed improntato alla massima serietà ed abnegazione verso il suo lavoro. Nino Taranto ebbe modo di dedicarsi alla Rivista, nella quale impose i suoi caratteri e la sua verve e dalla quale ricette ampie soddisfazioni.




Dalle tavole del palcoscenico passò ben presto ai teatri di posa cinematografici dove l'incontro con il Principe della risata, Antonio De Curtis in arte Totò, lo consacrò e lo consegnò ad un pubblico ben più ampio. Con Totò, Taranto é letteralmente esploso e, seppur sacrificato al ruolo di spalla, ha sempre saputo ritagliarsi un ruolo tutto suo, senza farsi travolgere dalla grandezza del Principe.
Tra i films più belli ricordiamo: "I pompieri di Viggiù", "Il monaco di Monza",
l'indimenticable "Totò truffa '62" e "Totò contro Maciste".



Fu proprio Nino Taranto a pronunciare l'orazione funebre per Totò
nella chiesa del Carmine alle ore 17 del 17 aprile del 1967:
"Amico mio questo non e' un monologo, ma un dialogo perché sono certo che mi senti e mi rispondi. La tua voce e' nel mio cuore, nel cuore di questa Napoli che e' venuta a salutarti, a dirti grazie perché l'hai onorata. Perché non l'hai dimenticata mai, perché sei riuscito dal palcoscenico della tua vita a scrollarle di dosso quella cappa di malinconia che l'avvolge. Tu amico hai fatto sorridere la tua città, sei stato grande, le hai dato la gioia, la felicità, l'allegria di un'ora, di un giorno, tutte cose di cui Napoli ha tanto bisogno. I tuoi napoletani, il tuo pubblico e' qui. Ha voluto che il suo Totò facesse a Napoli l'ultimo "esaurito" della sua carriera e tu, tu maestro del buonumore, questa volta ci stai facendo piangere tutti. Addio Totò, addio amico mio. Napoli, questa tua Napoli affranta dal dolore vuole farti sapere che sei stato uno dei suoi figli migliori e non ti scorderà mai. Addio amico mio, addio Totò".
La sua carriera, Nino, l'ha terminata sulle tavole del teatro Sannazzaro nella compagnia di Luisa Conte, con interpretazioni che hanno dell'eccezionale.
www.lastoriadinapoli.it

In " Spusalizio" di Viviani con
Carlo Taranto, Gino Maringola e
Dolores Palumbo

 


Dove sta Zazà
Fatte fa 'a foto
Ho comprato la caccavella
'A luciana
'O nfinfero
'O pappavallo
'O schiaffo
Serenata smargiassa
Strofette censurate
Agata
Brigida
Canzone 'mbriaca
'E ccummarelle
Ciccio formaggio
Cicerenella
'A dieta




Nota: Le foto presenti su MusicalStore.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail webmaster@musicalstore.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.