bjork, testi canzoni, lyrics, musica, testi di canzoni, canzoni straniere, pop, rock, singers, cantanti, cd


 


Michael Jackson
BIOGRAFIA


Sul suo palcoscenico-cielo Michael è la stella più brillante. Durante le sue esibizioni ci sono laser, luci stroboscopiche, nuvole di fumo colorate che avvolgono ogni cosa, magia ed illusione si fondono tra gli effetti speciali e i fuochi d'artificio, ma il pubblico si scalda solo per lui e per la sua musica. Michael ne ha per tutti i gusti: dal blues di "I'll Be There", al rock di "Beat It", al funky di "Lonely One". Ogni sua interpretazione diventa reale su un palcoscenico che non ha più confini. Basta ascoltarlo mentre canta la triste ballata "She's Out Of My Life": egli è in grado di trasformare vacue sciocchezze sentimentali in passione vera e sa far sentire, ad ogni singolo spettatore, lo struggimento del suo desiderio; o basta guardarlo quando balla "Billie Jean", librandosi sul palco come fosse privo di peso: ti fa vibrare il sound per tutto il corpo e tu sei lì, con lui, sotto i riflettori. non c'è da meravigliarsi se, poco prima della partenza del "Victory Tour", è scoppiato il "fenomeno delle petizioni": ogni città dove non era stato previsto il concerto, cominciò a darsi da fare per raccogliere firme e riuscire, così, ad ottenere una performance nel proprio stadio. A Boston, alla redazione del quotidiano "Boston Herald", che aveva stampato dei tagliandi di petizione, arrivarono ben diecimila risposte. Allo Iowa State University, gli studenti raccolsero venticinquemila firme per riuscire ad ottenere un'esibizione dei Jackson nel loro Stato. Anche i politici si impegnarono in questa, per loro, originale campagna: il sindaco di Boston e quello di Detroit invitarono il gruppo nei loro rispettivi stadi, e a Gary le autorità organizzarono una manifestazione intitolata "Michael Jackson Come Home".

Addirittura c'è chi dice che lo stesso Ronald Reagan, in occasione della visita di Michael Jackson alla Casa Bianca, abbia insistito personalmente affinchè l'artista si esibisse a Washington. Insomma Michael era ormai un "fenomeno musicale" di quelli con la "effe" maiuscola e il suo nome apparteneva già alla leggenda. 1985-86 - Michael Jackson diventa editore e lo fa alla grande. Il cantante acquista ad un'asta il catalogo ATV di quattromila canzoni, inclusi duecentocinquantuno brani dei Beatles! Questo, come è logico, scatena la rabbia del signor paul McCartney che, presente all'asta, avrebbe voluto per se i diritti d'autore del suo vecchio gruppo ed invece si trova a non poter far nulla contro questo "mostro" di potenza, ricchezza e furbizia che gli soffia l'affare sotto al naso. Nella primavera del 1985, presso il museo M.me Tussaud, a Londra, viene eretta la statua di cera che rappresenta il cantante in una sua caratteristica posa.

Verso la fine di Marzo Michael vola nella capitale inglese per assicurarsi che l'opera sia di suo gradimento e ne rimane piuttosto soddisfatto. Ovviamente la folla lo attende numerosa: più di cinquemila persone si trovano sul posto a rendere omaggio al loro beniamino, salutando l'arrivo della star con la rituale ovazione. Michael si fa fotografare vicino a quest'opera, dalla quale risulta difficile distinguerlo; altezza naturale, guanti bianchi, espressione grintosa. Nel 1986 Michael Jackson partecipa ad una iniziativa per aiutare il Terzo Mondo: scrive insieme a Lionel Richie la canzone "We are the World", che diventa un commovente inno di pace cantato da tutti. Alla relizzazione del brano hanno partecipato le stelle più brillanti del mondo della canzone, unite in un gruppo dal nome di "USA for Africa". Con questo brano Michael vince il Grammy come autore della canzone dell'anno. Nel frattempo, Michael è impiegato in un film per la Walt Disney, che lo vede protagonista accanto ad Angelica Houston. "Captain EO" è una produzione di George Lucas per la regia di Francis Ford Coppola. Si tratta di un minifilm in cui Michael lotta contro mostri di cartapesta nello scenario di un conflitto spaziale. Il film viene trasmesso solo a Disneyland o in altri contesti gestiti dalla Walt Disney Production, che detenie l'esclusiva della pellicola. Capitan EO - Spieghiamo subito cos'è "Capitan EO"."Capitan EO" è un mini film che Michael ha girato nell'estate dell'84, prodotto da George Lucas, diretto da Francis Ford Coppola e con la partecipazione di Angelica Houston. La pellicola è incredibile, piena di effetti speciali e in tridimensione, dura solo diciassette minuti, ma è un concentrato di tecnica e spettacolo. Basti pensare che onìgni minuto di film è costato ben un miliardo e settecento milioni di lire. Purtroppo non è cosa da tutti poterlo vedere, in quanto lo proiettano solo a Disneyland e a Epcot, la città del futuro costruita in Florida. Del resto, la Walt Disney Production si era impegnata in questo lavoro, proprio per poterne avere l'esclusiva. Quindi non ci rimane che consolarci ascoltando il riassunto di questo spettacolo: il film è costituito da un'avventura spaziale di dieci minuti, seguita da un video rock di sette.

Michael Jackson, o meglio, Capitan EO, canta e balla al comando della sua nave spaziale, il cui equipaggio è composto da: un piccolo elefante verde, una scimmia alata, una coppia di gemelli siamesi barbuti e un paio di robots, in grado di trasformarsi in suonatori rock. L'incredibile ciurma sbarca su un pianeta privo di colori, dove regna la cattiveria, governato da una regina perfida come un'arpia (A. Houston). qui nasce una furiosa battaglia e, alla fine, tra colpi di armi galattiche e canzoni, i nemici si trasformano in ballerini e la regina diventa una bellissima ragazza. Insomma Un film simpatico e divertente, che ha permesso al nostro Michael di vivere, una volta in più, nel suo mondo ideale, dove gli animali parlano e i buoni vincono sempre. Bad - Dopo le varie divagazioni che Michael si è concesso nel campo del cinema e dell'editoria, eccolo che torna ad occuparsi della sua musica.

Il nuovo disco è frutto di una gestione lunga e difficile, esce con molti mesi di ritardo sui tempi previsti ed è un altro prodotto del perfezionismo jacksoniano.Per la verità non è un'opera della portata della precedente, Thriller, però è un bell'album per suoni, contenuto, arrangiamenti, esecutori. Innanzitutto la storia: il giovane Daryl, conclusi gli studi in una scuola "per bene", torna al vecchio quartiere, ai vecchi amici. La banda dei suoi amici, dopo essersi confrontata con lui, decide che Daryl non è più un "giusto", un "cattivo", un "duro"; insomma, non è più "bad", ma è diventato un bravo ragazzo. Lui replica che può dimostrare di essere "bad" scippando un vecchio alla metropolitana... ma non ce la fa. Si arrabbia e dice ai "fratelli" che il loro essere "bad" non è da giusti e che lui dimostrerà loro che cosa significhi essere "bad". Alla fine i "fratelli" capiscono che si sono sbagliati ( you are doin' wrong...) e che essere "giusti" non significa essere necessariamente criminali. Nel novembre del 86 Michael gira il primo video di "Bad", a New York City per la regia di Martin Scorsese, proprio quel Martin Scorsese di " Taxi Driver" e di "Toro Scatenato", specialista di pellicole girate in bianco e nero. Una storia quasi romantica, e sicuramente moralistica, girata in bianco e nero e recitata nella prima parte, fino al mancato scippo; e a colori nella seconda, completamente cantata da un Michael Jackson "dark e borchiato" fino al collo. Notevole è il gospel finale, una splendida esecuzione "a cappella" solo voci, dove Michael canta e un coro di ballerini "made in subway" risponde. Inutile dire che gli amici di Daryl imparano la lezione e se ne tornano a casa senza torcere un capello a nessuno. A parte la bella storia di "Bad" dove, come in tutte le storie che si rispettino, i protagonisti finiscono col vivere "per sempre felici e contenti", anche il resto delll'album non si fa dimenticare.

Nel maggio 1987 l'abum incomincia ad essere mixato con la collaborazione di Quincy Jones, sempre accanto al suo pupillo, che produce da anni. Il 31 agosto 1987, finalmente, "Bad" esce in tutto il mondo e si presenta ricco di sorprese: Stevie Wonder canta in duetto con Michael "Just Good Friends", una stupenda canzone scritta da Terry Britten, autore di molti successi di Tina Turner. La canzone "Smooth Criminal", terzo singolo ricavato dall'album, è accompagnata da un filmato della durata eccezionale di novanta minuti. Con questo album Michael non si limita a ballare e cantare, ma partecipa anche nella veste di attore, cavandosela bene. Da segnalare è anche la trilogia che caratterizza unpò tutto l'album: "Man In The Mirror" scritta da Siedah Garret e C. Ballard, arricchita da sensazionali cori-gospel finali; "I Just Can't Stop Lovin' You"; e "Dirty Diana" dove spicca l'assolo di Steve Stevens, alias Billy Idol. Insomma, com'era immaginabile, anche quest'ultima fatica di Michael Jackson ha dato i suoi buoni frutti e tanti capolavori musicali. Dangerous - Alla fine del 1991 Jackson ritorna sulla scena con Dangerous che a metà dell'anno successivo ha già venduto quattro milioni di copie. Nell'album contribuisce a numerosi brani Teddy Riley, orientando il disco verso il pop-dance. "Black or White", primo singolo tratto da "Dangerous", diventa numero uno in centinaia di paesi e resta per ben sette settimane in testa alla classifica americana. Fino al 1992 Michael si era sempre rifiutato di dare interviste ai media fino a quando non fu intervistato da Oprah Winfrey. Lo show televisivo fu visto in tutto il mondo e tutti videro per la prima volta la personalità di Michael Jackson.

Sempre nel 1992 parte il suo secondo tour mondiale che termina nel 1993.Nello stesso anno Michael Jackson subisce seri danni alla sua immagine a causa di alcune accuse di molestie sessuali, rivoltegli da un teenager, un suo piccolo amico, dalle quali si difese con ferma decisione. La casa di Jackson fu perquisita dalla polizia mentre lui era ancora in tour nel Far East e Michael, chiaramente disturbato, cancella un gran numero di concerti. Nel novembre del 1993 Michael lascia gli USA e la Pepsi-Cola, sponsor di Michael Jackson, decide di rompere il contratto con l'ormai danneggiata carriera della superstar più popolare al mondo. Nel maggio nel 1994 Michael Jackson sposa Lisa Marie Presley, figlia del celebre Elvis Presley, ma purtroppo ha durata breve, solo 19 mesi dando un nuovo colpo all'immagine di Michael.Nel giugno 1995 esce "HIStory - Past, Present And Future - Book 1", un doppio che contiene un Greatest Hits del cantante e materiale nuovo.


Nelle nuove canzoni Jackson attacca i media e risponde alle critiche che gli furono fatte. "Scream" ( un duetto con sua sorella Janet Jackson ) va subito al primo posto nelle classifiche di tutto il mondo e dell'album furono vendute in pochissimo tempo più di dieci milioni di copie. Nel disco contribuisce al successo anche R.Kelly con la fantastica "You are not alone", secondo singolo tratto dall'album History. Ai Brit Awards del 1996 in Inghilterra, Jarvis Cocker (cantante dei Pulp) invade il palco in segno di protesta nei confronti di Jackson. Blood On The Dance Floor - Nel 1997 viene pubblicata un'altra collezione intitolata "Blood On The Dance Floor: HIStory In The MIX", che comprende remix dance dei brani inediti dell'album precedente.



By planetjackson


 






Nota: Le foto presenti su MusicalStore.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail webmaster@musicalstore.it, che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.