Biografie Audizioni Contatti



PRIMO ATTO


UN MERCATO TIPICO SICILIANO (POTREBBE ESSERE LA "VUCCIRIA " DI PALERMO).
E' L'ALBA. SI APRONO MAN MANO LE BOTTEGHE. I BOTTEGAI ESPONGONO LE LORO MERCANZIE E COMINCIANO AD ABBANNIARE".
ARRIVANO ANCHE GLI AMBULANTI CON I LORO CARRETTINI. IL MERCATO SI ANIMA SEMPRE DI PIU' E LE "ABBANNIATE", IL VOCIARE DELLA GENTE E I CANTI ISOLATI SI TRASFORMANO, MENTRE SI FA GIORNO, IN UN CANTO CORALE. SARINA ENTRA IN SCENA POCO DOPO L'APERTURA DEL SIPARIO. SALUTA TUTTI. TUTTI LA SALUTANO.

PRIMO VENDITORE
(Recitato)
Sarina, quannu mi duni lu to amuri?

SARINA
(Parlato)
Ci vonnu tanti soldi!

SECONDO VENDITORE
(Parlato)
Quanto sei bella! S'un fussi ca me muglieri gilusa...

SARINA
(Recitato)
A un giovanottu bellu comu a tia, cu ci lu fici fari
di maritarisi?

TERZO VENDITORE
(Recitato)
Sarina ti pozzu dari na vasata?

SARINA
(Recitato)
Picchi no.

QUARTO VENDITORE
(Recitato)
Sarina, chistu magliuni p'u surdateddu :
vecchiu ma pulitu.

SARINA
(Recitato)
Grazie, ma non basta pi fari l'amuri cu mia.

QUINTO VENDITORE
(Recitato)
Quanti clienti stanotte?

SARINA
(Recitato)
Non posso lamentarmi.

BALLA E CANTA MENTRE COMPRA ORA DALL'UNO ORA DALL'ALTRO.

SARINA
Bongiorno a tia jurnata china 'i suli
sugnu filici a m'arridi lu cori
e m'arridinu tutti sti cristiani
o quantu cosi vulissi accattari.


SARINA E CORO
Panni, mutanni, tuvagli di sita
giacchi, cammisi, cusuzzi p'a casa
tenni, cuperti, statuetti di crita
e picch no, un vestitu da sposa.


SARINA
Bongiornu a tia jurnata allegracori
sugnu filici non haiu pinzeri
viva puru Vittorio Emanueli
anche si detti luttu a li banneri


CORO
Pisci, palumu e purpu arrustutu
vopi, merluzzi, trigliola, annunnatu
costi, zirenu, gaddrini di Notu
gaddi, cunigli, faggiani, e castratu.

MUSICA E BALLETTO

SARINA E CORO
Scarpi, spugnetti, buttuna, cosetti,
giacchi, quartari, linzola, merletti
sciarpi, cilecchi, cammisi e cravatti
gonni, fadali, panzeri, corsetti.
Acci, patati, cipudda, limuna
pi cu havi fami c' puru la pizza
e c' 'a sosizza ca nculu t'appizza.


MUSICA SARINA RIENTRA A CASA CARICA DI PACCHI. ILSOLDATO STA DORMENDO. SENTE SARINA , SI SVEGLIA.

SARINA (IMITANDO LA TROMBA)
(Recitato)
Pe...Pe...Pe...Pe... Sveglia, sveglia signor generale! Ca 'a jurnata bella e c' un suli ca spacca li petri!
Sono le sette.
E' ura ca ti va f na bella passiata! E mi lassi 'u lettu
ca mi sta vinennu un sonnu....

IL SOLDATO SI ALZA E, ZOPPICANDO,AIUTA SARINA A METTERE A POSTO I PACCHI. QUINDI COMINCIA A VESTIRSI.SARINA A SPOGLIARSI.

SARINA
Vattinni sutta u suli pi la strata
e goditillu tu stu beni 'i Diu
E si travagliu nu ni trovi ancora
nun ci pinzari ca ci sugnu iu.
E bonanotti jurnata china 'i suli
sugnu felici nun vogliu pinzari
vogliu sunnari sonni allegracori:
arrisvigliami all'ura di mangiari.


S'ADDORMENTA. IL SOLDATO LA BACIA E SORRIDENDO ESCE.

 




Nota: Le foto presenti su MusicalStore.it sono state in larga parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail webmaster@musicalstore.it, che provveder prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.